Salta al contenuto principale
loading

Il pasticcio di lasagne

di Paolo Pilla

E’ pur vero che nel giorno di Natale mangiamo troppo: In tavola arriverà di tutto, antipasti, primi, secondi, il cappone, gli arrosti, i lessi, e poi i formaggi, la frutta, il dolce. Ci attira iniziare con un brodino, che prepari lo stomaco. Allora magari il brodino c’è, ma poi a Natale è di rigore il pasticcio. E noi, non ci tiriamo indietro, anche perché le nostre madri, mogli, figlie, sono orgogliose di prepararlo, e si aspettano l’apprezzamento. Valutazione positiva che noi non mancheremo di esprimere, perché è sempre buonissimo. Piace a tutti, a grandi e piccini. Ogni famiglia ha la sua tradizione; la mia, fondamentalmente si rifà al piatto tipico della gastronomia emiliana, che in realtà è talmente conosciuto e apprezzato, da essere assurto a piatto tipico italiano.

...

Abbonati per proseguire la lettura di questo articolo e per accedere a tutti i contenuti a te riservati.

Abbonati!

Sei già abbonato?
Effettua l'accesso

P