Salta al contenuto principale
loading

Tenuta Amadio: tradizione di famiglia

di T. A.

Il nome di Tenuta Amadio come giovane azienda gestita da giovani ha iniziato a farsi conoscere lo scorso anno, quando inaspettatamente ha vinto il primo premio all’International Packaging Competition della cinquantesima edizione di Vinitaly. Un importante riconoscimento in quella che era la prima partecipazione al concorso internazionale del vino a Verona. È stato il primo segnale che l’Azienda era sulla giusta strada, che tanto lavoro, la giusta passione ed un pizzico di inventiva iniziavano a portare i primi risultati: l’Azienda era entrata ufficialmente nel panorama delle nuove cantine dell’Asolo Docg. La storia di Tenuta Amadio ha inizio dal recupero della tradizione viticola di famiglia. Ci riporta ai tempi in cui il bisnonno Amadio Rech creava un vino bianco leggermente passito con uve prosecco, bianchetta, rabbiosa: le autoctone dei colli di Treviso e del feltrino di cui era originario.Il lavoro è ancora in gran parte manuale seguendo le tradizioni di un tempo, e custodisce una cura sartoriale per i vini.Sul filo conduttore della tipicità,della territorialità e della ricerca,nasce l’Asolo Prosecco Superiore Docg di Tenuta Amadio.Un prodotto che è l’espressione del terroir dei colli silenziosi di Monfumo, della mineralità di questi terreni.

...

Abbonati per proseguire la lettura di questo articolo e per accedere a tutti i contenuti a te riservati.

Abbonati!

Sei già abbonato?
Effettua l'accesso

P