Salta al contenuto principale
loading

Paolo Casagrande, lo tristellato Trevigiano

di Giancarlo Saran

E’ una bella storia di successo della terra trevigiana di chi, per volontà, talento e determinazione, ha trovato poi la giusta valorizzazione, seppur in terra foresta. Paolo Casagrande nasce a Susegana nel 1979. Fin da piccolo la curiosità lo spinge ad annusare quello che bolle nelle pentole di nonna Bruna o mamma Grazianella. La natura è stata generosa con lui. Sa destreggiarsi bene con il pallone nelle sfide tra coetanei, ma sa anche tradurre quanto la fantasia gli suggerisce disegnando con mano sicura vignette curiose e divertenti. Questa predisposizione al disegno gli fa immaginare un futuro da geometra o architetto, ma papà Lorenzo, che il ragazzo se lo era studiato bene, lo invita a percorrere una strada a lui più consona e quindi si iscrive all’alberghiero Beltrame di Vittorio Veneto. Di quegli anni ricorda una bella squadra di docenti, in particolare Omar Lapecia e Paola Tomasi, che sanno trasmettergli gli ingredienti più importanti della professione: passione, disciplina, senso del sacrificio. Il ragazzo ci sa fare e in lui matura il desiderio di scoprire cosa ci sia di interessante al di là delle colline del prosecco. Subito dopo il diploma prende il volo per Londra. Inizia a smanettar di pignatta in una trattoria italiana, ma sente che non è quello il motivo sufficiente per aver lasciato casa, famiglia e amici. Passa ad un prestigioso ristorante d’albergo dove è l’unico a parlare la lingua di Dante. Dopo un anno vola a Parigi, nella brigata di Alain Soliveres, un bistellato alla guida dello storico Taillevent. Sono tre anni in cui carbura al meglio le basi da cui partire per inseguire la realizzazione dei sogni che ha nel cuore da sempre. E’ lo stesso Alain che, ad un certo punto, gli suggerisce di volare altrove, presso colleghi che potrebbero ulteriormente far lievitare al meglio i suoi talenti. Daniel Boulud a New York e Martin Barasategui a San Sebastian. Il web non è ancora diffuso come oggi, ma Paolo, curiosando con mouse sapiente,…

Vuoi ricevere la rivista Taste Vin?

Scrivici