Salta al contenuto principale
loading

Manzoni Bianco: molti abbinamenti

di S. C.

Il prof. Luigi Manzoni, preside negli anni ’30 del secolo scorso della Scuola Enologica di Conegliano, probabilmente non si aspettava di lasciare un patrimonio enologico tanto prezioso, apprezzato e duraturo come il vitigno che da lui ha preso il nome di “Manzoni Bianco”. Che ottenne da una serie di esperimenti sul miglioramento genetico della vite mediante incroci ed ibridazioni, come si usava all’epoca (vedi il caso svizzero del Müller – Thurgau, a fine ‘800). Luigi Manzoni provò tanti incroci, utilizzando sia vitigni a bacca bianca sia a bacca rossa, ciascuno dei quali era contrassegnato da una serie di due o tre numeri, a indicare l’appezzamento, il filare e la vite “incrociata”. Alcuni di questi riscossero grande interesse e cominciarono ad esse-re utilizzati “commercialmente”, come si direbbe ora, per produrre nuovi vini o vini migliorativi dell’esistente.

...

L'articolo completo è a tua disposizione nell'Archivio PDF online di Taste Vin.

Vai all'Archivio
P