Salta al contenuto principale
loading

Gli spaghetti

di Paolo Pilla

Tra i formati della pasta da fare asciutta, gli spaghetti sono la pezzatura che maggiormente viene usata. Dalla forma lunga e sottile vengono trafilati in sezione tonda, in vari calibri, e prodotti esclusivamente con semola di grano duro (Triiticum durum) che cresce nei terreni assolati del Sud Italia, ed acqua. Questo è anche il formato che garantisce una più perfetta rispondenza alla bontà della materia prima usata, perché nel momento dell’essiccazione, che per gli spaghetti è un po’ più critico rispetto agli altri formati, l’impasto non tollera sostanze estranee. Ed è anche il modo più antico di lavorare la farina.

...

Abbonati per proseguire la lettura di questo articolo e per accedere a tutti i contenuti a te riservati.

Abbonati!

Sei già abbonato?
Effettua l'accesso

P