Salta al contenuto principale
loading

Torna l’Asparago di Cimadolmo

di Albina Podda

Torna l’atteso appuntamento annuale che debutta ogni primavera celebrando come primizia, un prodotto d’eccellenza della tradizione enogastronomica veneta: l’Asparago bianco di Cimadolmo IGP. Gli oltre 40 produttori appartenenti alla Denominazione Cimadolmo IGP, quest’anno potranno contare su almeno 50 diverse location dislocate negli 11 Comuni lambiti dal fiume Piave o ad esso molto prossimi: Cimadolmo, Breda di Piave, Fontanelle, Mareno di Piave, Maserada sul Piave, Oderzo, Ormelle, Ponte di Piave, San Polo di Piave, Santa Lucia di Piave e Vazzola. È qui che gli asparagi verranno proposti nel migliore dei modi grazie alla creatività e all’esperienza dei tanti cuochi coinvolti. Caratteristica distintiva di questa rassegna è infatti l’eterogeneità, la ricchezza dell’offerta. I locali del gruppo sono molto diversi tra loro, dai locali con cucina ricercata all’osteria con proposte legate alla tradizione. Tratto comune tra tutti, la naturalezza e la freschezza del prodotto offerto. Il consumatore, turista straniero, cliente di passaggio o residente della zona, apprezza sopra a ogni cosa l’autenticità e la genuinità di un alimento delizioso, impreziosito dal fatto che passa senza indugi, direttamente dal campo alla tavola. Naturalmente passando per la cucina.

...

Abbonati per proseguire la lettura di questo articolo e per accedere a tutti i contenuti a te riservati.

Abbonati!

Sei già abbonato?
Effettua l'accesso

P