Salta al contenuto principale
loading

L’Azienda Ress onora l’enologia del Trentino

di Nino d’Antonio

L’azienda agricola – poco più di sei ettari – ha un nome breve e tagliente. Quello della famiglia che ne porta avanti la storia con antico orgoglio trentino. Si chiama Ress, e papà Luigi ne ha vissuto le vicende nel corso di una vita, prima di passare la mano ai figli Franco e Marco. Il primo, perito agrario, e il secondo, enologo, entrambi allievi della gloriosa Scuola di San Michele all’Adige.

L’insediamento è proprio a qualche chilometro dalla Scuola, in quel fondovalle rotariano che deve la sua notorietà al buon vino. Anzi, a quegli spumanti che sanno tenere testa anche ai piemontesi di più lunga tradizione.

Per anni, Luigi Ress ha ceduto le sue uve – in prevalenza Chardonnay e Pinot Nero – alla Cantina Sociale. I tempi non erano maturi per tirar su un’azienda e imbottigliare. Una condizione piuttosto comune fra queste colline del Trentino a tanti vignaioli, specie se con figli ancora in crescita.

Poi, nel 2015, gli esordi in bottiglia. Due sole tipologie: il Rosé Spumante (etichettato Maria Rosa in memoria della mamma scomparsa qualche anno prima), e il Brut metodo classico. Un totale di ventimila bottiglie, che esprimono tutto l’impegno e l’appassionata ricerca dei fratelli Ress per dare una sicura identità ai loro spumanti. “Perché è qui che va ricercato il pregio dei nostri vini” mi dice Marco. “In un territorio dove la spumantistica è piuttosto diffusa, non è cosa da poco riuscire a differenziarsi. E questo è sempre stato l’obiettivo mio e di mio fratello Franco”.

Parliamo intanto nella grotta-caverna, un’ambiente integro e di forte suggestione, che ospita non solo gli acciai e i legni, ma una ricca panoramica di bottiglie di varie annate. Fuori, il paesaggio è quello tipicamente alpino, che nel rigore dell’inverno offre incomparabili scenari. A volte così spogli da apparire quasi non vissuti.

Indugio con piacere, godendo a piccoli sorsi un Rosé, anche nell’attesa di Franco che è a Trento presso un pubblico ufficio. Ma pare che le cose...

L'articolo completo è a tua disposizione nell'Archivio PDF online di Taste Vin.

Vai all'Archivio

...

Vuoi ricevere la rivista Taste Vin?

Scrivici